Il CBD per l'influenza

“Oh no! Ho preso l'influenza!” è la frase che i consumatori di CBD in tutto il mondo (e non solo loro) esclamano durante il periodo delle feste. 

L’influenza è una malattia respiratoria altamente contagiosa che colpisce ogni anno milioni di persone in tutto il mondo. Porta con sé sintomi come febbre, tosse e dolori muscolari. Per approfondire e conoscere le caratteristiche dell'influenza ti invitiamo a leggere questo articolo

cbd aiuto per l'influenza

Mentre le pratiche preventive tradizionali, come la vaccinazione e l'igiene, sono fondamentali, recentemente l'attenzione si è rivolta a nuovi metodi di supporto, tra cui l'utilizzo del CBD.

Nuovi studi stanno esplorando il ruolo del CBD nel migliorare la funzione immunitaria e ridurre l’infiammazione, il che potrebbe aiutare a prevenire le infezioni influenzali. Il CBD, infatti, interagisce con il sistema endocannabinoide del nostro corpo. Questo legame suggerisce che il CBD potrebbe avere un ruolo nel migliorare la funzione immunitaria e ridurre l'infiammazione. Agisce offrendo potenziali benefici nella prevenzione delle infezioni influenzali.

Il CBD può essere d'aiuto per combattere l'influenza?

Studi recenti indicano che il CBD ha proprietà che possono modulare la risposta immunitaria e possedere effetti antivirali, che nel cannabidiolo sono già stati studiati a lungo. Esperimenti preliminari suggeriscono che la molecola della canapa light potrebbe inibire la replicazione virale, offrendo una promettente linea di difesa contro la diffusione dei virus influenzali e ridurre la loro capacità di diffondersi in tutto il corpo.

Il CBD aiuta per l'influenza, ma non fa tutto da solo!

Nonostante le potenzialità del CBD, è cruciale sottolineare che non sostituisce le misure preventive tradizionali. L'integrazione del CBD come parte di una routine di benessere può offrire supporto aggiuntivo, ma la vaccinazione e le buone pratiche igieniche come lavarsi le mani di frequente rimangono essenziali.

Tuttavia, incorporare il CBD nella tua routine di benessere quotidiana può fornire un ulteriore livello di supporto al tuo sistema immunitario. Come sempre, è fondamentale consultare gli operatori sanitari prima di aggiungere nuovi integratori o trattamenti nella propria routine. Il medico potrà fornire una guida personalizzata in base alle esigenze e considerazioni di salute individuali.

In conclusione

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per stabilire prove concrete riguardo al ruolo del CBD nella prevenzione delle infezioni influenzali, i primi studi suggeriscono i suoi potenziali benefici nel migliorare la funzione immunitaria e ridurre l'infiammazione.

Poiché l’interesse per approcci preventivi alternativi continua a crescere, il CBD può offrire un’opzione naturale e complementare per le persone che desiderano sostenere il proprio benessere generale durante la stagione influenzale.

Come assumere CBD per l'influenza?

Può essere utilizzato come condimento o essere assunto per via sublinguale.

Fino ad 8 gocce anche un paio di volte al giorno, in funzione delle esigenze personali.

Il CBD crea dipendenza?

Il CBD non è psicoattivo e la ricerca scientifica concorda sul fatto che sembra non dare alcuna forma di dipendenza a differenza del THC (delta-tetraidrocannabinolo).



Lascia un commento

Tieni presente che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.