Spedizione gratuita per ordini superiori ai 60€

Shatter CBD: cos'è e come si usa ?

Il Shatter è uno dei migliori estratti di CBD. I concentrati di Cannabis light sono efficaci e sicuri, necessitano però di attenzione e consapevolezza d'uso. Vediamo di capirne di più.

Se vuoi approfitare al massimo dei benefici del cannabidiolo, lo Shatter CBD è un prodotto da considerare assolutamente. Lo Shatter è un concentrato di cannabinoidi, simile a una lastra di caramello. Viene prodotto in laboratorio per separare la materia vegetale dai cannabinoidi e dai terpeni, restituendo un prodotto di massima purezza.

Purissimo e più semplice da utilizzare, rispetto la classica Wax, o Budder, di consistenza cerosa e appiccicosa, lo Shatter si presta ad essere, vaporizzato o ingerito, assicurandoti un'esperienza gradevole e di sicura efficacia.

Cos'è lo Shatter?

La traduzione per il termine Shatter è “frantumarsi”, infatti quando lo guardi ti rendi conto che mai nome fu più appropriato. Trasparente e fragile, lo Shatter tende a spaccarsi a ogni sollecitazione, cosa che lo rende perfetto però per essere dosato con cura.

Lo Shatter risulta molto puro, arrivando a contenere livelli di CBD davvero elevati. La sua produzione però è caratterizzata da meccanismi complessi, che solo un laboratorio specializzato e con le apparecchiature necessarie può realizzare per ottenere un prodotto sicuro.

Dai tricomi della Cannabis light nasce lo Shatter

La produzione dello Shatter inizia dalla selezione dei tricomi, quei piccolissimi filamenti che nascono dai calici delle piante di cannabis in fiore, dove si trovano le più alte concentrazioni di CBD e terpeni.

Una volta raccolte, le cime delle piante vengono immesse in un contenitore a forma cilindrica, attraverso il quale viene realizzata la separazione dei cannabinoidi dalla materia vegetale.

A quel punto, terminato il processo, ciò che rimane viene riscaldato ad alte temperature, per permettere l'evaporazione e quindi anche l’eliminazione completa dei residui di gas utilizzati. Questo processo è fondamentale affinché non rimanga alcun residuo di gas, potenzialmente dannoso per l'organismo.

Dopo l'evaporazione la sostanza prodotta perde umidità e una volta posta ad asciugare su una superficie orizzontale, si tramuta in un sottile strato duro e allo stesso tempo fragile a cui, per queste caratteristiche, è stato dato il nome di Shatter.

Questo concentrato di cannabis è solitamente giallastro e traslucido, ma tu non ti appassionare al suo aspetto: nonostante in molti pensino che la trasparenza sia sinonimo di qualità, questo non è affatto vero. Ciò che distingue uno Shatter potente da uno di basso livello qualitativo è solo la varietà di cannabis utilizzata, l'efficacia con cui vengono separati i tricomi e l'accuratezza nell'eliminare i residui.

Come assumere lo shatter?

Lo Shatter è un prodotto davvero molto versatile e può essere assunto in vari modi.

Nonostante possa essere mescolato al tabacco, o all'erba legale, non è la metodologia migliore per apprezzare veramente lo Shatter, in quanto il suo sapore, mescolato con gli altri, perderebbe gran parte dei suoi caratteristici profili aromatici.

Vediamo, dunque, quali sono i vari modi con cui le persone usano lo Shatter CBD.

  1. Fumato con i Dab Rig che permettono l'evaporazione dello Shatter, in modo di inalarlo all'istante. I Dab Rig sono specie di Bongs ma più piccoli però.
  2. Inalato attraverso dei vaporizzatori (premettendo che la maggior parte dei vaporizzatori in commercio non sono compatibili con i Dab, e quindi nemmeno con lo Shatter). Sappi però che i più recenti e sofisticati supportano anche questa opzione. Inutile girarci intorno: se hai intenzione di sperimentare gli effetti dello Shatter, il vaporizzatore rimane lo strumento migliore, soprattutto perché eviti di inalare fumo, con ovvie ricadute benefiche sulla salute dei tuoi polmoni. Quello che devi sapere è che, però, devi essere pronto a investire perché i modelli più economici, infatti, tendono a surriscaldare troppo lo Shatter, compromettendone il caratteristico sapore.
  3. Disciolto in liquidi. Infatti lo Shatter si presta ad essere mescolato a liquidi caldi, come tè, camomilla e tisane. In questo modo si può godere di un effetto graduale. Il sosaggio consigliato è di iniziare con un quarto di cucchiaino.
  4. Disciolto su cannabis tritata, con o senza tabacco.

Vantaggi e svantaggi dell'utilizzo di Shatter

Il vantaggio più significativo nello scegliere lo Shatter, risiede nel suo alto contenuto di CBD. L'estrema concentrazione di cannabidiolo lo rende davvero molto efficace, tanto che all'inizio è consigliabile assumermene poco alla volta per verificarne gli effetti, soprattutto se sei alle prime armi.

Inoltre, lo shatter permette di apprezzare fino in fondo non solo l'intensità del cannabidiolo e i suoi straordinari effetti, ma permette anche nello stesso tempo di non perdere nemmeno la più piccola sfumatura dei terpeni, gli inebrianti profumi tipici della cannabis.

Qual è il principale svantaggio dello Shatter? Paradossalmente è quello che viene indicato anche come il suo principale vantaggio, ossia la potenza. La concentrazione di CBD può raggiungere anche il 90% e, considerando che  una cima di marijuana classica può contenere al massimo il 25% di cannabinoidi, non ti sarà facile intuire perché alcuni consumatori siano intimoriti dall'intensità degli effetti assicurati dallo Shatter.  Ecco perché un'assunzione consapevole, moderata e controllata si rende indispensabile per utilizzare questo concentrato di cannabis, senza correre alcun rischio.

Privacy Policy

Weedzard srl tel: +39 0644235400 - via Alessandria 129, 00198 Roma - P.IVA: 14550211008