Spedizione gratuita per ordini superiori ai 60€!

Il CBD è un oppioide?

Risposta breve: no, il CBD non è un oppioide, non lo è mai stato e non lo sarà mai. 

Risposta lunga: il cannabidiolo è un cannabinoide, non un oppioide. Dire che è un oppioide è cosa molto creative, è come dire che una verde e puntuta foglia di canapa è una cella fotovoltaica. Si, certo: anche la foglia cattura l'energia solare e la trasforma in nutrimento per la pianta, tuttavia è una foglia, non una cella fotovoltaica. 

pillole di cbd e di oppioidi

Il medico e l'opinione (finita male) sulla cannabis

Il fraintendimento sul "CBD oppioide o no" in realtà nasce dalla interpretazione a caldo e senza approfondire troppo di un articolo apparso l'anno scorso. Si cominciava a parlare del referendum (poi cassato) sulla cannabis e un medico è entrato nell'argomento, affermando, secondo un articolo di The Post Internazionale

Come medico sono contrario al referendum, perché la Cannabis è come un oppiaceo

L'articolo prosegue con un chiarimento da parte della redazione, che specifica che il CBD non è un oppioide. Poi di nuovo il medico: 

E gli oppiacei creano dipendenza. Oggi prendi uno, domani prendi tre, dopodomani cento. E il salto di specie dalla Cannabis alle droghe pesanti diventa molto comune perché arriva un momento in cui per soddisfare la dipendenza il corpo richiede una dose superiore.

Ora, è doveroso il rispetto delle opinioni di un medico come di tutti. Tuttavia il conoscitore di canapa, legale e non, comprenderà facilmente come una affermazione del genere sia basata su ipotesi in parte fondate (si, la cannabis dà tolleranza), ma anche antiche e ormai abbandonate da quasi tutta la ricerca. La teoria della canapa come "stepping stone" , ovvero la teoria secondo la quale la marijuana sarebbe una sostanza di passaggio verso altre droghe, è considerata fallace e non rispondente al vero. 

Il medico avrebbe quindi affermato, prendendola alla larga, che il CBD "è come" un oppioide, non che "è" un oppioide. 

La risposta dei social

Il social è spesso il luogo dove molta gente dà aria alla pancia, nel senso che di frequente le persone scrivono commenti emotivi, di pancia, magari senza aver letto l'articolo, basandosi solo sul titolo e sulla foto.

Inevitabile che sui social a suo tempo fosse successo un finimondo.

In larga parte, gli utenti hanno letto l'articolo poco e male e si sono messi a ripubblicare e rilanciare post ancora meno attinenti alla realtà:

"medico dice che il cbd è un oppioide!"

"il mondo va alla rovescia, ecco cosa dice questo medico!"

sono stati i commenti più o meno lusinghieri di risposta. Risposta a una affermazione che - come abbiamo visto - è inesistente, benché condita di opinioni discutibili. 

"Nel 2022 ancora affermazioni come questa? Bah!" esclama il Mago, che è diventato nervoso dopo averle lette. "Per rilassarmi meglio che prendo 10 gocce del mio CBD in olio di oliva!"

 Ok, ma cosa sono gli oppioidi invece?

Gli oppioidi sono farmaci utilizzati nel trattamento del dolore generalmente causato da tumori, e dolore cronico. L’istituto superiore di sanità (ISS) certifica gli oppioidi come “sostanze derivate dall’oppio”, e ne fanno parte farmaci come eroina (si, viene usata in UK e altrove come farmaco), morfina, ossicodone o fentanyl. 

Il meccanismo di azione degli oppioidi consiste nell'imitare gli effetti delle sostanze che vengono prodotte in modo naturale dall’organismo per ridurre e controllare il dolore. Inoltre, gli oppioidi agiscono anche sul sistema nervoso centrale e periferico inducendo, oltre alla riduzione del dolore, anche euforia e rilassamento.

Le interazioni positive

Chiarito cosa sono gli oppioidi, che il CBD non è un oppioide e soprattutto che nessun medico ha mai detto una cosa del genere, è interessante scoprire le interazioni positive tra cannabidiolo e oppioidi. Qui un articolo con una interessante raccolta di studi sulla combinazione tra le due molecole, così diverse e così - ognuna a suo modo - efficaci. 

Per concludere, ci sono numerosi studi e casi di successo sull'uso del CBD come antidolorifico in sostituzione degli oppioidi. Naturalmente, in questi casi ogni passaggio deve essere fatto sotto stretta supervisione medica. 

Privacy Policy

Weedzard srl tel: +39 0644235400 - via Alessandria 129, 00198 Roma - P.IVA: 14550211008